Dopo quanti approcci hai un risultato? Il falso mito della percentuale di riuscita

E’ normale che si chieda quanti approccio servono per avere un risultato, cioè quanti approcci siano necessari per riuscire nella seduzione di una donna. Ovviamente parliamo di approccio a freddo, cioè di approcci in cui non conosci la ragazza e nemmeno qualche amico che sta con lei.

La risposta dipende da vari fattori, e sinceramente in giro si sentono delle cazzate pazzesche, perché qualcuno dice: “Se approccio 10 ragazze una ci sta di sicuro” , altri dicono “Io invece riesco ad avere una percentuale di riuscita del 90%” .

Scusa un attimo, devo fare una cosa:

ah aha ah aha aha h :- ) aha aha ha aha aha 🙂  ahhahha aha ahaa

Ok, ora mi sono ripreso.

Sapete cosa dire quando vi sparano le “percentuali di riuscita”?

Dite semplicemente: “Ok, ma con chi?

“Ho una percentuale di riuscita del 90%” “Ok, ma con chi? Chi sono queste donne?

Le variabili definiscono la difficoltà del gioco, non vi fate fregare!

Perché impostate le variabili giuste, le percentuali sono anche superiori al 90%!!!!

Vuoi un esempio?

Prendi un qualunque ragazzo sopra i 25, lo vesti bene, gli spieghi qualche cosa di linguaggio corporeo, lo fai bere per scoglierlo, e lo butti in una discoteca di ragazzine!!! Sono sicuro che le percentuali saranno altissime!

Ora, a parte il fatto che ci sono delle leggi per quanto riguarda i minori (quindi attenzione a non fare queste cose con minorenni!!!), la cosa è anche poco “gloriosa” che dite?

Faccio un altro esempio: è risaputo, e totalmente vero, che le ragazze americane vivano più liberamente il sesso di quanto non facciano le italiane, e per questo siano molto più facili. In aggiunta, ci sono dei locali che per fama sono “locali da rimorchio”. Me lo raccontava una ragazza di San Francisco, questi locali hanno un soprannome molto eloquente.

Lo volete sapere?

Sono soprannominati: “Meat Markets“, cioè “Mercati della Carne“. Sfido chiunque a tornare a casa a bocca asciutta dopo essere stato in uno di quei posti.

Prendiamo ora il furbetto che si vanta di avere percentuali di riuscita del 90% e lo mettiamo in un ambiente tra i più duri: locale di classe con gente benestante e donne dalla bellezza mozzafiato. Voglio vedere le sue percentuali!!!

falso mito della percentuale di crescita

E poi sono discorsi misogeni che non mi piacciono: come se le donne fossero tutte uguali e ognuna di loro valesse una tacca da mettere su letto.

Non sarebbe ora di cominciare a guardare CHI seduci invece di QUANTE donne seduci? E non parlo solo in termini di bellezza, sarebbe ora di cominciare a fare delle distinzioni che vanno anche oltre l’aspetto fisico:

– Com’è una donna?

– Che passioni ha?

– Che interessi ha?

– Che tipo di sensibilità ha?

ecc. ecc.

Perché se parliamo solo di numeri allora ci sono dei locali dove andare a donne è molto facile, basta andare in quelli, ma dopo non spariamo le “percentuali di riuscita”, almeno non facciamo confronti fra donne che non si possono confrontare.

Quindi, hai capito il trucchetto vero? Quando la gente si vanta delle sue conquiste la domanda che devi fare è sempre:

“Chi? Chi sono queste donne?”  E così il furbetto è messo a tacere… 😉

Distrutti questi miti delle percentuali veniamo invece a cosa più serie.

Quanto si deve impegnare un ragazzo mediamente timido, che non ha mai approcciato, per avere risultati tramite approccio a freddo?

Non risponderò alla domanda, o meglio risponderò con un bel “Dipende“, perché dipende da decine di fattori.

Con un po’ di senso logico è facile capire la difficoltà di un luogo, perché ogni luogo ha una certa tipologia di donne.

Locale con ragazze molto più piccole di te? Bassa difficoltà (occhio che non siano minorenni!!!).

Locale con gente normale? Media difficoltà.

Locale di classe con donne da urlo? Difficoltà elevata.

Io ti ho suggerito i dati, la scelta ora è tua. Se vuoi avere subito risultati sai dove andare, se invece vuoi donne di alto valore e un allenamento intenso, sai dove andare.

Sia chiaro: può essere che a te non piaccia il genere di donne dei locali alla moda. Ora infatti sto parlando solo di difficoltà, non è detto che i luoghi più difficili abbiano donne che ti piacciano.

Se però queste donne ti piacerebbero ma non hai il coraggio di provarci, l’importante è non fossilizzarti su di un solo genere di locale, non pensare che “non sei all’altezza di certi luoghi”, perché limiteresti il tuo agire, e in più sarebbe una “profezia che si auto avvera“.

Ma perché continuo a parlare di locali? Devi forse approcciare solo nei locali? Assolutamente no, la risposta nell’articolo seguente.

Reborn