Sesso: aspettare a fare sesso fa bene alla relazione?!?!?

 

Secondo una nuova ricerca aspettare a fare sesso rende una relazione più stabile e soddisfacente nel tempo.

Cosa?! :-O

Sì, finire a letto quasi subito con una ragazza, nel caso si voglia cominciare una relazione forte e duratura con lei, potrebbe “sabotare” la relazione stessa!

Questo perché, secondo quanto scoperto, le coppie che hanno avuto rapporti sessuali quasi subito, per esempio dopo il primo appuntamento o nel primo mese di frequentazione, hanno avuto più difficoltà nel tempo.

Il ricercatore Dean Busby della Brigham Young University afferma:

Se una coppia diventa sessualmente attiva troppo presto, questa parte molto emozionante ed eccitante del rapporto può travolgere e offuscare il processo decisionale, affettivo e di fiducia, portando la coppia a vivere una relazione che a lungo andare potrebbe non funzionare

Sesso: due opinioni opposte

In realtà ci sono due opinioni distinte sul sesso nella relazione e su quando si dovrebbe fare quando si vuole costruire una relazione  solida e duratura.

Da una parte il sesso è considerato fondamentale e molto importante in una relazione ancora nella fase iniziale perché i partner scoprono le loro affinità sessuali oltre che le affinità in altri ambiti della relazione, come fiducia, comunicazione e valori.

Inoltre il sesso crea una connessione molto intima con il partner, in cui c’è un reciproco scambio di valore.

Dall’altra parte però, anche secondo la ricerca di Dean Busby, astenersi dall’avere rapporti sessuali all’inizio di una relazione favorisce la comunicazione reciproca, fondamento di una buona relazione.

Perché questo?

Perché il sesso potrebbe “offuscare” la comunicazione, l’impegno reciproco e il saper gestire le avversità, tutti elementi che rendono una relazione duratura nel tempo.

In altre parole è meglio concretizzare certi valori e fondamenti per una relazione sana, e in seguito scoprire le proprie affinità sessuali per rendere completa la relazione.

aspettare-a-fare-sesso-2

Seguendo sempre questa lunghezza d’onda, un altro studio scientifico del 2004, ha dimostrato su un campione di 300 studenti universitari che le coppie più salde e impegnate reciprocamente vedevano il sesso come qualcosa di positivo che dava fiducia e senso di sicurezza.

Al contrario, nelle coppie in cui l’impegno reciproco e la comunicazione erano peggiori, e si trattava più di un’infatuazione che di innamoramento,  il sesso era visto come qualcosa di negativo che metteva a disagio entrambi i partner.

Al giorno d’oggi, rispetto a tanti anni fa, il sesso “entra in scena” 🙂 molto prima, quasi subito, a volte al primo appuntamento o dopo qualche uscita, e quasi mai si aspetta troppo con il fine di sviluppare quelli aspetti della relazione fondamentali a renderla duratura.

Leggendo queste parole ti sembrerà di tornare quasi alla preistoria :-), in cui si doveva arrivare vergini al matrimonio!

Non preoccuparti, non stiamo assolutamente parlando di questo, ma stiamo parlando della qualità di una relazione e degli elementi fondamentali per renderla migliore.

Lo studio scientifico

Nello studio della Brigham Young University, Busby e i suoi colleghi hanno esaminato 2.035 individui eterosessuali che avevano un’età media di 36 anni ed erano sposati per la prima volta.

Ai partecipanti era stato chiesto, tra le tante cose, quando avevano avuto il loro primo rapporto sessuale con il partner e come consideravano la loro comunicazione, importante per valutare la loro capacità di esprimere empatia e comprensione verso l’altra persona.

Altre domande del questionario si focalizzavano sulla stabilità e soddisfazione della relazione e chiedevano specificatamente: “Quante volte hai pensato che il rapporto fosse in crisi?”, “Quante volte hai pensato che la tua relazione stesse per finire?” e “Quante volte vi siete lasciati per poi ritornare insieme?”.

I ricercatori hanno categorizzato i partecipanti secondo il momento in cui avevano fatto sesso per la prima volta con il partner:

  • Sesso “precoce” (al primo appuntamento o entro il primo mese di frequentazione)
  • Sesso “tardo” (tra il primo mese ai 2 anni di frequentazione)
  • Sesso dopo il matrimonio

Le relazioni risultavano essere migliori e più durature per coloro che aspettavano ad avere rapporti con il partner o addirittura aspettavano fino al matrimonio, rispetto a coloro che avevano fatto subito sesso nel primo mese di frequentazione.

Inoltre chi aspettava fino al matrimonio…

…considerava la sua relazione il 22 % più stabile

…si considerava soddisfatto il 20 % in più

…considerava il sesso il 15 % migliore

…considerava la comunicazione il 12 % migliore

Dean Busby continua affermando che:

“Curiosamente, quasi il 40 % delle coppie hanno il primo rapporto sessuale al primo o al secondo appuntamento, ma sospettiamo che se chiedessimo a queste stesse coppie:“Ti fideresti a lasciare il gatto a questa persona per un week-end?” , molti potrebbero rispondere negativamente. Questo vuol dire che si sentono più a loro agio a lasciar entrare una persona nel loro letto piuttosto che lasciargli il gatto!”

Inoltre le coppie che aspettano a fare sesso, hanno il tempo di capire il loro livello di fiducia, se riescono a comunicare veramente e se condividono gli stessi valori, prima che il sesso “offuschi” queste capacità sabotando la relazione in un futuro.

In conclusione, forse è meglio trovare una giusta via di mezzo? 🙂

Cosa ne pensate? Aspettereste di proposito a fare sesso con una donna? (Siate sinceri!!!! 🙂 )

Fateci sapere cosa ne pensate nei commenti qui sotto.

Marcella

P.S. Ricordo una volta che Marco mi disse: “Insegno agli uomini a sedurre le donne ma se una donna mi chiedesse cosa fare per conquistare un uomo le direi “Non andare subito a letto con lui!” 😉 “