Bisogna buttarsi con le ragazze che conosciamo?

Come fare quando una donna che conosciamo ci manda segnali misti? Come comportarci se non siamo sicuri che “ci stia”?

Rischiare? Non rischiare?

La verità è che non si rischia nulla, ma andiamo con ordine.

La domanda mi è stata posta da Paolo in questo commento:

Vorrei fare un passo indietro, cioè quando i segnali arrivano un po’ si è un po’ no, o sono contraddittori, prima positivo poi negativo…
Per me non è una questione di deprimersi se sti segnali non ci sono, ma si tratta di prendere una decisione, vado avanti o lascio perdere ?
Se parliamo della ragazza appena conosciuta ok andiamo fino in fondo, tanto non abbiamo nulla da perdere giusto?
A me però interessa anche il caso di donne che già si conoscono, non necessariamente amiche. In questi casi si tende a cercare più conferme prima di agire, perché non si vuole rischiare di creare situazioni negative, che ne dici ?

Su di una cosa hai sicuramente ragione: se è una ragazza che non si conosce buttarsi è la miglior casa da fare.

Ma perché non potrebbe essere così anche con ragazze che fanno parte del nostro circolo sociale?

Tu, come molti altri ragazzi, diresti che si possono creare delle situazioni imbarazzanti. Dal punto di vista delle maggioranza degli uomini il ragionamento non fa una piega: ci provi con una, non ci sta, e quando vi vedete di nuovo c’è imbarazzo.

Ma come avrete già capito, qui non ragioniamo come la maggioranza degli uomini giusto 😉 .

Non avrai mai il 100% di sicurezza che una ragazza ci stia. Mai. Quindi ogni volta che ci provi è un rischio giusto?

Sbagliato: non si rischia assolutamente nulla.buttarsi-con-le-ragazze

Vorrei che iniziaste a pensare a voi in modo diverso, una delle credenze che bisogna incorporare se si vuole diventare veramente bravi con le donne è la seguente:

Io non mi vergogno dei miei desideri e bisogni sessuali.

Meglio:

IO SONO FIERO DEI MIEI DESIDERI E BISOGNI SESSUALI

I nostri bisogni di uomini sono sani e naturali, bisogna esserne fieri. F-i-e-r-i ok?

Tornando al discorso di prima. Se c’è una ragazza che conosci che ti manda segnali misti , ci provi e non ci sta, perché dovresti imbarazzarti?

Sei un uomo, volevi una cosa e hai cercato di prendertela.

Non vuole? Amici come prima, non è un problema.

Qualcuno potrebbe dire che è lei ad essere imbarazzata.

2 cose:

Primo: se tu per primo non sei imbarazzato anche per lei non sarà un problema. La volta successiva fai come se non fosse successo nulla, perché non è successo nulla giusto?

Imponendo la tua struttura mentale, anche lei seguirà questa cornice, e per entrambi non sarà successo nulla. Anzi, magari ci si potrà ridere sopra!

Secondo: una donna ha avuto decine di persone che conosceva che ci hanno provato, se si dovesse imbarazzare per ognuno avrebbe la metà degli amici. Le donne restano imbarazzate solo se l’uomo lo è… e qui si ritorna al punto uno: è la tua struttura mentale che deve modellare ciò che accade.

Questo non vale solo per le donne, in tutte le relazioni personali c’è una struttura che viene imposta, quindi se sarai convinto che non c’è problema, il problema non ci sarà

Marco