Galanteria e seduzione: un legame sopravvalutato

Eccoci a parlare, sempre riguardo al sedurre una donna e non finire in zona amicizia, della galanteria e del fare regali, il sesto e il settimo punto della lista su come non finire nella zona amicizia.

Ho deciso di parlarne in un unico articolo dato che i temi della galanteria e del fare regali, benché diversi, siano collegati.

L’errore di cui voglio parlare è molto grave e allo stesso tempo molto comune, tanto che l’ho inserito nel Report gratuito: “Seduzione: i 37 errori più comuni” .

Galanteria e seduzione sono sempre state legate nell’immaginario collettivo.

Probabilmente è stata colpa dei film e dei libri che ce lo hanno infilato nella testa. Chi non ha mai visto o letto di un innamorato cantare sotto la finestra della sua bella? Chi non ha mai pensato che un mazzo di fiori fosse il modo ideale per conquistare una donna?

In realtà, come molte delle cose che si credono in fatto di seduzione, è tutto sbagliato.

La galanteria è un’arma a doppio taglio. Può essere utile in determinate situazioni e molto pericolosa in altre.
galanteria-e-seduzione-un-legame-sopravvalutato

Nel conquistare una donna infatti, ci sono cose che vanno benissimo dopo che è scoccata la scintilla, ma le stesse cose ci porteranno solo guai se fatte prima, quando non c’è ancora attrazione.

Prendiamo un gesto molto semplice come il regalare dei fiori a una donna. Qualcuno crede che questo possa essere un gesto efficace per attrarre una donna (a beneficio dei fiorai 🙂 ), in realtà se un uomo regala dei fiori prima di aver creato attrazione lei vedrà il suo gesto come qualcosa di “carino” ma inconsciamente percepirà che lui sta tentando di elemosinare le sue attenzioni.

In altri termini può pure piacerle il gesto, che valuterà come “carino” e “dolce”, ma questo non la renderà attratta, anzi, l’esatto contrario!

In questo modo è molto facile che tra i due non succeda mai nulla.

Se invece si è già creata attrazione, se lei è già attratta, lo stesso identico gesto viene interpretato in modo completamente diverso.

In questa situazione infatti l’uomo non regala dei fiori per elemosinare attenzione ma quello che fa è un semplice gesto che vuol dire che pensa a lei, che si prende cura di lei, che le vuole bene.

E’ quindi un discorso di tempistica: se fai un gesto galante prima che ci sia attrazione il gesto viene percepito in un determinao modo e ha un determinato effetto (negativo), se invece fai lo stesso gesto quando c’è già attrazione le cose cambiano completamente, il gesto viene percepito bene e ha un effetto positivo.

La domanda quindi sorge spontanea: se la galanteria è un errore prima che sia scattata la scintilla e va bene dopo, cosa fare mentre ci si prova con una donna?

E la risposta è: dipende.

Se infatti nella fase di corteggiamento lei ha già percepito che non siamo come gli altri sfigati (quindi c’è già un po’ di attrazione) allora un gesto galante va bene, ma non deve essere esagerato.

Se invece lei non ci ha ancora inquadrati, se non ha ancora capito quanto valiamo, allora è decisamente meglio evitare.

Marco
Galanteria e seduzione: un legame sopravvalutato

Video riassunto

Guarda il video riassunto dell'articolo, letto da una persona del nostro staff.