Sangue, fatica, lacrime e sudore: devi pagare il prezzo di ciò che vuoi

Ho un’amica che da qualche mese ha avviato un’attività imprenditoriale.

Lo ha fatto alla faccia di tutte le persone negative attorno a lei che dicevano:

  • “Ma sei matta? Di questi tempi?”
  • “C’è la crisi!”
  • “Pensa a trovarti un lavoro sicuro!”
  • “Stai con i piedi per terra!”

Ha sentito tutto questo e se ne è fregata, ha iniziato a impegnarsi giorno e notte, anima e corpo al suo progetto.

Qualche giorno fa la incontro e mi dice: “I primi risultati iniziano a vedersi, ma sono veramente demotivata, pensavo fosse più facile. Prima avevo molti interessi, vedevo di più le mie amiche, il mio ragazzo, ora non ho tempo per fare nulla, veramente, pensavo fosse più facile.”.

Sai perché pensava così?

Perché la nostra società ti porta a ragionare in quel modo, ti porta a pensare che c’è una scorciatoia per tutto.

Quando molte persone pensano a uno sportivo famoso o un imprenditore di successo ciò che passa nella loro testa è “Guarda che culo che ha avuto! Che fortuna.

Non vedono. Non vedono l’impegno, gli sforzi, la fatica, il sudore, gli errori, i momenti di sconforto. No, per loro è stata solo fortuna.

Non è colpa loro, siamo nella società dei reality scemi in cui un chiunque, solo per la sua imbecillità, può finire in tv e prendere un sacco di soldi. Più sei stupido meglio è.

Il messaggio che passa qual è?

Purtroppo è questo: “Ciò che ti serve è la fortuna, non l’impegno.”

Ma no, non è colpa solo dei reality, c’è un qualcosa di ancora più subdolo che ci ha insinuato nel cervello il meccanismo della “scorciatoia” invece che quello dell’impegno.

Il debito come ricerca della scorciatoia

Qualche tempo fa guardavo un video di Adam Baker, un personaggio che spiega sul suo blog come liberarsi dai debiti e vivere felici.

Nel video dice una cosa interessantissima che è strettamente collegata con ciò che sto spiegando.

Riassumendo dice:

La nostra società ci ha dato un sogno, ci ha sempre detto che se ti impegni, se lavori duro, un giorno potrai vivere la vita dei tuoi sogni.

Poi però qualcosa è cambiato, hanno iniziato a dire che in realtà puoi avere ora la vita che desideri, perché averla “un giorno”? Perché aspettare?

Così ha inventato il meccanismo del debito, la scorciatoia per avere le cose che vuoi prima di essertele guadagnate.

Con questo meccanismo, dato che il debito lo devi ripagare, riescono a tenerti incatenato per tutta la vita.

Terrificante e geniale non trovi?

Il messaggio qual è?

Puoi avere ciò che vuoi dalla vita senza essertelo guadagnato!

sangue-fatica-lacrime-sudore

Se ci pensi bene 15 anni fa in Italia non era così, il debito si faceva solo per due cose, per due bene indispensabili: casa e auto.

Ora sono riusciti a farcelo fare per tutto, quindi a tutti noi viene passato il messaggio “Puoi avere ciò che vuoi senza essertelo guadagnato!”

Il concetto di lento costante miglioramento è considerato vecchio (ne parlo qui)!

Vuoi diventare veramente bravo in uno sport? Ci vuole tempo.

Vuoi smettere di soffrire per amore? Vuoi dimenticare la tua ex? Ci vuole tempo.

Vuoi diventare veramente bravo con le donne? Ci vuole tempo.

Vuoi aumentare la tua autostima? Ci vuole tempo, chiunque ti dica il contrario ti sta prendendo per il culo.

Ma invece no! Le persone non ragionano così! Se voglio qualcosa la voglio ora!

Sai chi fa così?

I bambini: “Mammaaaa, mammaaaa mi compri quel giocattoloooooo, mammaaaaa!” E la mamma sfinita dai pianti incessanti inevitabilmente compra il maledetto giocattolo. 🙂

Ci hanno trasformati in bambini.

Sangue, fatica, lacrime e sudore

Vuoi sapere cosa ho risposto alla mia amica che pensavo fosse più facile?

Le ho detto:

“Tutti lavorano per l’ora, se vogliono qualcosa la vogliono subito. Chiunque abbia raggiunto qualcosa di grande all’inizio ha dovuto impegnarsi avendo come traguardo solo un sogno, ha dovuto impegnarsi e penare, soffrire magari, ma non c’è mai stato un successo (vero) senza l’impegno costante.

Ti sembra duro? Probabilmente lo è, anzi ti dico di più, probabilmente è 10 volte più duro di quello che pensi, ma credimi, il risultato è un milione di volte più bello di quello che pensi.”

Le ho detto questo perché mi sono ricordato le parole del primo ministro britannico Winston Churchill, le parole che pronunciò riguardo alla risposta militare britannica alla minaccia nazista.

Al parlamento, e al popolo intero, non disse “State tranquilli sarà facile”, non disse “Sarà una passeggiata”, promise invece un’altra cosa:

“Dico al Parlamento come ho detto ai ministri di questo governo, che non ho nulla da offrire se non sangue, fatica, lacrime e sudore.

Abbiamo di fronte a noi la più terribile delle ordalìe. Abbiamo davanti a noi molti, molti mesi di lotta e sofferenza.

Voi chiedete: qual è la nostra linea politica? Io rispondo: fare la guerra per terra, mare, aria.

Guerra con tutta la nostra potenza e tutta la forza che Dio ci ha dato, e fare la guerra contro una mostruosa tirannia insuperata nell’oscuro e doloroso catalogo del crimine umano. Questa è la nostra linea politica.

Voi chiedete: qual è il nostro obiettivo? Posso rispondere con una parola. È la vittoria.”

Devi pagare il prezzo

Nessuno, nessuno, ti insegna invece che devi pagare il prezzo per ciò che vuoi.

C’è un motivo per cui le persone là fuori non raggiungono i loro obiettivi, perché sono sempre alla ricerca della scorciatoia.

Non funziona così, ogni obiettivo importante richiede un pagamento, un pagamento in contanti.

E quanto lo raggiungerai e le persone ti diranno che hai avuto fortuna, tu sbattigli davanti le cose che hai fatto e digli “Questo, questo è quello che ho dovuto pagare”.

Parlo di soldi? Ovviamente no, è un altro il prezzo che devi pagare.

È sangue, fatica, lacrime e sudore.

Perché sei un uomo, e gli uomini fanno questo.

Non vuoi pagare questo prezzo?

Tranquillo, nei corsi di cucito c’è sempre posto.

Marco