Come scherzare con una donna per aumentare polarità attrattiva e attrazione

Ci sono molti modi di scherzare con le persone, e molti modi di scherzare con le donne!

Ci sono modi di scherzare con le donne che non generano attrazione e ci sono modi che invece riescono a crearla.

Uno di questi modi in particolare riesce a generare attrazione perché rimanda alla dinamica chiave dell’attrazione stessa.scherzare donna

Qual è questa dinamica?

La polarità attrattiva.

Uomo e donna hanno energie completamente diverse, l’energia maschile e l’energia femminile sono come  poli diversi che si attraggono reciprocamente.

Appunto perché sono diversi riescono ad attrarsi, esattamente come una calamita nella quale due poli uguali si respingono ma due poli diversi si attraggono.

Di conseguenza, se vuoi attrarre una donna dovrai esprimere energia maschile per creare questa polarità attrattiva.

Ma in questo articolo parliamo di qualche cosa di più specifico, ora ti spiego il modo di scherzare che genera attrazione appunto perché rimanda a questa dinamica, rimanda alla polarità attrattiva.

Nella nostra società le due polarità, maschile e femminile, si stanno affievolendo: l’uomo ha perso energia maschile e la donna energia femminile.

Un tempo invece le due energie erano molto più forti e questo si poteva vedere nettamente nei comportamenti di entrambi i sessi.

In altri termini, una volta molti comportamenti erano solo maschili e molti altri solo femminili. Gli uomini non erano capaci di fare certe cose e se ne disinteressavano completamente.

Quindi?

Quindi ciò che farai usando questa tecnica sarà scherzare su questo genere di comportamenti e atteggiamenti, in modo tale da sottintendere la differenza che c’è tra voi due, le vostre differenti energie e quindi la polarità attrattiva.

Inoltre, questo modo di scherzare è estremamente divertente! 🙂

Quindi ciò che devi fare è scherzare su comportamenti da macho!

La cosa funziona anche perché scherzando su queste cose subcomunichi la tua conoscenza delle dinamiche uomo/donna.

Ma vediamo cosa fare nella pratica…