Vita da Single? Intervista agli autori di SingleItaly.com

Com’è vivere da single nel 2010?

Ci sono dei modi per vivere meglio? Per organizzare meglio il proprio tempo e per sfruttare tutte le occasioni che la vita presenta?

Ho trovato due persone che sono delle autorità in materia, Giandomenico e Federica di Single Italy.com. Se non conosci il sito ti straconsiglio di visitarlo, è pieno zeppo di informazioni utilissime sulla vita da single.

Ecco quindi la loro intervista:

– – –

Chi siete?

Giandomenico e Federica, due amici di vecchia data che si sono conosciuti nel 2002 sul web e hanno condiviso pensieri e quotidianità confrontando le loro idee

Come mi è venuta l’idea di aprire un blog per single?

Perché siamo due persone per varie avventure di vita hanno scelto di studiare la vita di chi è single semplicemente perché si è preso coscienza che l’essere single ha problematiche di ogni genere  che per molti sono sconosciute, per cui aprire un blog per applaudire chi riesce a superare le difficoltà quotidiane e per incoraggiali  a non perdersi, rimanendo fieri di sapersi gestire da soli.

Cosa significa essere single oggi?

Oggi essere single significa mettersi sempre in gioco in tutti i campi sia del sociale che del privato.

Quali sono le cose positive della vita da single?

La positività dell’essere single non è solo ‘poter fare tutte le cose che piacciono senza dar conto a nessuno’, sbagliatissimo ma comune questo concetto, la positività è cercare di crescere nell’unicità di se stessi  ponendosi come attori principali di una società che ancora vede solo nella famiglia la sua componenete principale.

Quali sono le cose negative?

Le cose negative?

L’ossessione di sentirsi soli, il piangersi addosso, talvolta, pensando di non poter riuscire a compiere determinati atti senza la presenza di qualcuno vicino ( e questo è forse il più grande problema di chi è passato da una situazione di accoppiamento e convivenza ad una situazione seguente di singletudine ).

E’ più facile vivere da single per un uomo o per una donna?

Nessuna differenza, se un uomo forse non sa fare le faccende domestiche di pari passo la donna non sa essere operaia  in casa, l’arte di arrangiarsi deve essere comune ad ambo i sessi, se poi si va nella vita di società purtroppo ancora si deve registrare la cattiva abitudine di pensare alla donna sola come ad una ‘zitella=debole’, mentre ad un uomo solo come ad uno ‘ scapolone impenitente=forte’ per cui………se non si abba ttono queste convenzioni le difficoltà saranno maggiori per le donne.

Nella pratica, cosa bisogna fare per semplificarsi la vita se si è single?

Occorre essere intuitivi, capaci ad adattarsi, scaltri nell’affrontare falsi pregiudizi e liberi mentalmente per essere sempre pronti ad accettare ed affrontare qualsisai difficoltà si presenti e farne tesoro per il futuro, mai piangersi addosso, essere sempre presenti nella società e diventare esempio di coerenza e onestà.

Potete darci 10 suggerimenti pratici per gli uomini che vogliono essere single?

Dieci consigli?

Alla base del vivere bene da Single, ci sono vari elementi come, tanto per fare qualche esempio,  la semplicità, l’autocontrollo e il desiderio di essere uomini e donne migliori giorno dopo giorno.  Dietro la figura del Single ci sono altrettanti pericoli ma avendo una direzione tutto va per il verso giusto.

All’inizio lo so, sembrerà dura.   Le cattive abitudini si insinuano presto nella nostra vita e ti ritrovi in pochissimo tempo a non cucinare, preferendo un panino davanti alla televisione accesa sul divano, a non rifare il letto, a non pagare le bollette perché te ne sei dimenticato, a non lavarti (si c’è anche di questo)… in breve a vivere nel caos perenne, imbruttendoti e ingrigendoti… è risaputo cattive abitudini portano cattive abitudini in un circolo vizioso che si ingigantisce sempre di più…. tanto chi ti vede?

Come evitare tutto questo?

La nostra esperienza ci ha insegnato che positività, organizzazione, stimoli costruttivi, innescano nel single, più che in qualunque altra figura sociale, la voglia di migliorare e crescere in funzione del proprio evolversi in seno all’autonomia e all’indipendenza che si conquista nel quotidiano.

Risultato? Pensaci un secondo!

Hai fatto una domanda bellissima, che è l’essenza di quasi tutto il nostro lavoro, io direi:

1. Rispettati

2. Rispetta l’ambiente dove vivi

3. Sfrutta i vantaggi della tua situazione

4. Ricorda che single non vuol dire essere soli

5. Organizza la tua giornata

6. Organizza la tua vita

7. Non farti imprigionare dalla ruotine

8. Abbi autocontrollo

9. Non dimenticare gli affetti quando ti affermerai.. perché ti affermerai!!!!

10. Ricordarsi sempre e comunque che la vita è un piacere… stabilisci le tue priorità ma assolutamente non arenarti, impara ad essere flessibile.

Emile Durkheim descriveva lo scapolo ( oggi single ) come ‘un individuo non sottoposto ad alcuna disciplina per ciò che riguarda le sue passioni’. I single non sono visti più come zitelle o scapoloni, termini usati nel passato come dispregiativi di chi “non ha saputo formarsi una famiglia!”.

Il polso della nuova era che si sta aprendo lo hai dal mercato, dalla Chiesa e dalle Istituzioni, da sempre contrari ad un mondo che non fosse “famiglia!”.

Certo, ancora tanta strada c’è da fare!

Pensa a chi si rifugia nella figura del Single per scappare da se stesso, alzando una bandiera con scritto “Libertà” dopo che una relazione, una storia è andata male, pensando che altri mezzi, denaro, macchine, auto, moto, relazioni usa e getta, possano colmare quel vuoto che si sente dentro.

E’ libertà secondo te?   Pensa ai genitori single, separati, divorziati ma anche semplici ragazzi e ragazzi che vogliono riprendersi la loro vita… c’è un mondo li fuori da quella porta oltre il monitor di questo computer che si chiede “E adesso?”

Single Italy.com è rivolto a tutti, anche a chi è ancora in casa con mamy e papy, e si propone come un amico che ti consiglia, ti sa ascoltare, ti capisce e cerca di aiutarti, con serenità, umiltà e semplicità.