Paura di approcciare? Le ragazze vogliono che tu le approcci (anche se non lo sai)

Oggi voglio parlarti della credenza negativa che porta a pensare che ad approcciare una ragazza corrisponda il disturbarla.

Molte volte un uomo non approccia per paura di disturbare, o almeno così pare. Ma è davvero una scusa sensata, o meglio, è davvero quello il motivo per cui non approccia? Cosa succede quando un uomo dice “ho paura di disturbare”?

Quando gli capita l’occasione di farlo si paralizza perché avverte una certa ansia in modo più o meno forte, subito il cervello invia un segnale di pericolo e l’uomo avverte una sensazione di blocco. Ma il cervello che razionalizza la paura comincia a fornire una scusa, così quell’uomo comincia a dire che non approccia per paura di disturbare.

In parole povere il meccanismo è questo:paura-di-approcciare-ragazze

  • Il cervello invia un segnale di pericolo generando paura
  • La paura viene razionalizzata sotto forma di scusa

Quindi cos’è che blocca gli uomini dall’approcciare? Tutto un insieme di elementi come ad esempio la timidezza, la bassa autostima e alcune convinzioni sbagliate.

Ora voglio soffermarmi su uno di questi elementi, che molto spesso è la fonte di tutti gli altri: le convinzioni sbagliate.

Se parlare con gli sconosciuti o approcciare ragazze fosse un qualcosa di comunemente accettato e incentivato come comportamento sociale da adottare, sono pronto a mettere la mano sul fuoco che gli uomini non si farebbero così troppi problemi.

È la credenza sbagliata che si ha de “l’ approcciare equivale a disturbare” che deve essere eliminata.

Perché questa credenza non è vera?

Tralasciando qualche caso particolare in cui la ragazza in questione è molto di fretta (situazione in cui basta un minimo di intuito per capire) La maggior parte delle volte che approcci una ragazza non la disturbi.

Te lo ripeto: la stragrande maggioranza delle volte che approcci tu NON disturbi. Ficcatelo in testa una volta per tutte!!

Il dialogo interiore negativo più comune è questo:

“Lei non ha voglia di parlare con te, la disturbi e basta, adesso se l’approcci avrai davanti una persona infastidita: lascia perdere”

SBAGLIATO

Hai presente l’esercizio dell’articolo in cui ti chiedo di rovesciare il tuo dialogo interiore negativo trasformando le frasi in modo da trasmettere energia e fiducia? Ecco, qui vale lo stesso, il tuo dialogo deve dirti questo:

“Lei ha voglia di parlare con te, la fai stare bene e vedi se è simpatica, già per questo dovrebbe solo apprezzarti”

Ma qui non voglio limitarti a un esercizio mentale, voglio fare di più: voglio dimostrarti che questa cosa è vera, che le ragazze hanno davvero voglia di conoscerti.

Ragiona un attimo, tu pensi che le persone non vogliono essere disturbate ma sbagli perché non fai una distinzione fondamentale: non distingui tra quello che una persona si ASPETTA da quello che VUOLE REALMENTE.

La differenza sta tutta qui.

Quello che una persona si aspetta fa parte della normale routine per esempio:

  • Arrivare in tempo al lavoro
  • Stare tranquilla
  • Mangiare durante la pausa pranzo
  • Fare commissioni
  • Fare bene i propri compiti assegnati
  • Apparire in modo consono alle situazioni
  • Ecc…

Adesso ti chiedo una cosa: se una persona avesse sempre quello che si aspetta sarebbe davvero felice o sarebbe triste e annoiata? Penso che non ci voglia molto per capire che la risposta più corretta sia la seconda 🙂

Cosa vuole davvero una persona nella sua vita? Beh ognuno è diverso ma alla fine gli esseri umani hanno più similitudini che diversità. Ecco qui un elenco di esempi:

  • Sentirsi importante
  • Sentirsi gratificata
  • Emozioni
  • Sfide da conquistare
  • Sentirsi amata
  • Potersi realizzare
  • Fare qualche follia (in senso buono) e uscire dalla routine (per questo esistono le vacanze e le festività 😉 )
  • Essere spensierate e non preoccuparsi di niente (come quando si è in vacanza)

Capito il concetto? Adesso per darti bene l’idea voglio farti vedere un video simpatico dei due ragazzi di cui avevo già postato un video in un precedente articolo. Guardate bene la prima e l’ultima scena.

Visto? Ahahaha. Ma secondo voi una ragazza avrebbe voglia di fare una colazione in mezzo alla gente con uno sconosciuto? Perché non se ne è andata?

Perché questa situazione così paradossale era qualcosa di folle, e proprio per questo funzionava! Era un qualcosa di inaspettato e per questo bello e divertente! La classica cosa che si racconta agli amici ridendo . All’ultima è riuscito addirittura a strapparle il sorriso dalla faccia imbronciata che aveva! 🙂

Perché le ragazze vogliono che tu le approcci?

Ed eccoci qui nel fulcro dell’articolo: perché le donne vogliono che tu ti lanci? Ecco qui alcune ragioni.

  • Perché sei uno dei pochi che va da lei perché pensa che sia una ragazza che vale la pena conoscere.
  • Perché le donne conoscono sempre gli stessi uomini e quindi fare conoscenza con persone nuove a loro piace.
  • Perché sei una persona che ha imparato a far sentire a proprio agio gli altri.
  • Perché ti sei impegnato e ti impegni quotidianamente per diventare una persona migliore.
  • Perché hai capito cosa vuole una donna da un uomo e vuoi metterti in gioco.

Ti pare poco?? Già uno di questi motivi basta e avanza per essere desiderati da una donna. Immagina una ragazza che viene approcciata continuamente da ragazzi: secondo te quanti di questi sono persone come te? Davvero pochi, fidati.

Non riguarda solo l’approccio

Per ora ho parlato solo dell’approccio, ma questo discorso si può estendere anche nelle altre fasi della seduzione.

Per esempio se sei un ragazzo timido, secondo te la donna che ti piace vuole avere una persona così oppure una persona sicura di sé che le ispira sicurezza?

Pensa a queste cose nel concreto: tu magari pensi che l’aumentare la propria sicurezza o altre caratteristiche come l’energia maschile, il coraggio di baciare una ragazza la sicurezza di saperci fare a letto ecc… sia una cosa voluta da te, e in parte è vero, ma se ci pensi, anche gli altri ti vorrebbero a fianco più sicuro e determinato, le donne in primis.

Le donne ti vogliono sicuro di te, vogliono che ci provi con loro ( a patto che tu lo sappia fare ma se segui questo sito non dovresti avere problemi) vogliono che tu per primo sia rilassato con te stesso ed energico.

Giulia in un commento ha scritto:

Il mio problema è che dopo anni e anni di storie lunghe vorrei divertirmi, senza ferire nessuno e possibilmente senza passare per “facile” .

Solo cose leggere nel rispetto della persona, ma non so come. non mi approcia nessuno! e (a detta di alcuni) non sono una brutta ragazza e nemmeno antipatica.

L’avete scritto parecchie volte ed è vero (almeno per me): quanto sarebbe più facile se un uomo si prendesse tutta la “responsabilità” della seduzione, così noi potremmo solo lasciarci andare e non pensare a niente
(dai in fondo bisogna avere solo decisione, discrezione, briciolo di insistenza e un po’ iniziativa- si può fare no? )

Hai capito come una donna vede la questione? 🙂

Ma questo discorso vale solo per le donne? No! Anche per le persone con cui entri in contatto ogni giorno.

Immagina di uscire una sera e di conoscere un uomo sicuro di sé, come James Bond ad esempio. L’idea di avere un uomo così affianco non ti inspirerebbe fiducia e sicurezza? Penso proprio di sì.

Come vale per te vale anche per tutte le altre persone. 🙂

In un certo senso anche la società (intesa come aggregato organizzato di persone) vuole da te questo. Ricordi il discorso dell’aspettarsi e del volere realmente? È la stessa cosa.

Magari la società si aspetta che tu aumenti la sua ricchezza e la sua produttività ma tutte le persone che sono coinvolte vogliono che tu sia capace di trasmetterle belle sensazioni sicurezza e che sappia metterle a proprio agio anche se non te lo dicono.

Tornando al discorso principale sulle donne ricorda: tu sei una persona che molte donne vorrebbero conoscere e avere come amante, per cui la prossima volta lanciati e non aver paura. 🙂

Niko

Paura di approcciare? Le ragazze vogliono che tu le approcci (anche se non lo sai)

Video riassunto

Guarda il video riassunto dell'articolo, letto da una persona del nostro staff.