Superare la timidezza

E’ possibile superare la timidezza?

Puoi vincere la timidezza? E’ possibile cambiare veramente?

“Imparare ad usare alcuni trucchi o cose che promettono di farti superare la timidezza è qualcosa che probabilmente non ti cambierà, nella tua cameretta rimarrai la stessa persona di prima, saprai solo recitare la parte di qualcosa che non sei.. Non credi?!”

Questa è una domanda che mi pose un ragazzo di nome Francesco via e-mail, mentre ultimavo le Guide “Vincere la timidezza in 30 giorni” e “Sicuro di te in 60 giorni“, Guide che prevedono un percorso strutturato verso il superare la timidezza e il diventare più sicuro di te.

Francesco teme che queste due Guide non ti facciano veramente superare la timidezza ma solo fingere di essere sicuro di te, rimanendo, in fondo, un timido.

E’ un dubbio legittimo, un dubbio molto intelligente: cambio veramente o fingo di cambiare? Miglioro veramente o fingo di essere una persona che non sono?

Prendiamo per assurdo la prima ipotesi: cosa dovrei insegnarti in questa Guida per farti fingere di essere sicuro di te? Per farti fingere di aver superato la timidezza?

Cosa dovrei insegnarti per farti sembrare sicuro ma rimanendo un timido?

Sarò sincero: farlo è piuttosto difficile. Dovrei infatti focalizzarmi solo sullo spiegarti alcuni atteggiamenti, atteggiamenti da persona sicura di sé stessa.

E’ possibile? Sì e no, non sarebbe così facile, mentire fingendo di essere qualcun altro… avere atteggiamenti strani… non è per nulla facile. Finiresti per sembrare una persona che mostra sicurezza ma non ne ha, quindi un uomo che si bulleggia.

Come superare la timidezza e cambiare veramente

Cosa ti insegno per cambiare veramente? Cosa troverai nelle pagine che seguono?

Cosa troverai in questi percorsi per superare la timidezza e diventare più sicuro di te stesso?

Quello che troverai è un percorso strutturato che ti fa fare una serie di esperienze ben precise, e facendo queste esperienze, che saranno sotto forma di esercizi, ragionamenti mirati e compiti, cambierai veramente.

Superare la timidezza è fondamentale per se stessi, ma è anche molto importante per riuscire a non essere timido e timoroso con le donne che conosci (puoi saperne di più in questo articolo)!

Pensa ad un uomo sicuro di sé che lo è “di per sé”, senza aver mai fatto percorsi di questo tipo.

Pensi che quest’uomo sia nato sicuro di sé?

No, non lo è, ha fatto una serie di esperienze che lo hanno portato ad essere sicuro di sé.

Pensi che non abbia mai dovuto superare la timidezza, almeno in certi momenti?

Ha di certo dovuto affrontare la sua timidezza!

Quindi: per diventare sicuro di te e superare la tua timidezza in modo naturale devi fare determinate esperienze.

Lui però ci ha messo una vita, vuoi metterci anche tu lo stesso tempo?

Non credo, e allora cosa ho fatto nelle due Guide?

Ho condensato queste esperienze, attraverso compiti, esercizi, e ragionamenti mirati, in 60 giorni.

In altre parole ho preso il frutto della sicurezza, l’ho spremuto e ne ho ricavato il succo concentrato, bevibile in 60 giorni.

Perché fare un percorso strutturato e non un testo normale per vincere la timidezza?

Il motivo è molto semplice: con un testo normale le persone tendono a leggere e a non mettere in pratica, spesso aspettano di averlo letto tutto per farsi un’idea dicendosi “Una volta finito lo metto in atto” e dopo, una volta finito, continuano a rimandare, e il “domani” diventa “mai”.

Non volevo che succedesse questo con queste Guide, reputo queste cose troppo importanti, così ho creato un percorso con qualche cosa da fare ogni giorno, così da fare dei passi costanti verso l’obiettivo.

Un percorso permette inoltre di far iniziare con certe cose e far finire con altre, c’è una progressione nei compiti e una logica interna molto profonda al fine di rendere il tutto molto efficace.

Capito come funziona la questione puoi dare un’occhiata alle Guide dai seguenti link:

superare la timidezza

Marco

P.S. Nota importante: per “superare la timidezza” non si intende “timidezza patologica” ma normale timidezza che hanno molte persone. Le guide non sono trattamenti terapeutici, se pensi di avere bisogno di cose di questo tipo rivolgiti a uno psicoterapeuta.
– – –