Comunicazione nella coppia: le frasi da evitare

Dopo che, nell’articolo precedente, abbiamo parlato delle modalità comunicative errate nel dialogo di coppia, andiamo a vedere qualche cosa di ancora più specifico.

Che cosa?!

Le frasi che distruggono il dialogo e creano solo problemi nei rapporti di coppia.

1. “Se… vuol dire che non te ne frega nulla di me”

Questa frase può avere diverse varianti, ad esempio:

“Se non mi chiami vuol dire che non ti manco”

“Se non fai quello, vuol dire che non ti importa nulla di noi”

“Se non fai quell’altro, vuol dire che non mi ami abbastanza”

Questa frasi, che tecnicamente sono definiti equivalenze complesse, sono delle formule linguistiche la cui struttura è X=Y, “questo vuol dire quello“.

Sembrano vere, ma non lo sono.

Chi dice infatti che se una persona fa o non fa una cosa allora significa qualcos’altro?!

Ogni persona è diversa, se uno può comportarsi in un certo modo in una relazione, un altro può comportarsi in un altro, e non è detto che questi comportamenti significhino determinate cose.

È normale e naturale cercare di capire cosa pensa e sente una persona in base ai suoi comportamenti, lo facciamo tutti inconsciamente, ma prendere i nostri pensieri e le nostre supposizioni per verità assolute, quello no!

2. “Non sei MAI …” “Non fai MAI…” “Sei SEMPRE…”

In questo devo ammettere che le donne sono più brave di noi :-).

Hai presente quando non fai qualche cosa 2 volte su 1.000 e lei ti dice: “Non fai MAI…”? 🙂

Le donne sono molto legate al momento presente, questo però può anche causare dei problemi quando non vedono il tutto ma solo una piccola parte.

A parte le donne, stai attento perché anche noi uomini usiamo queste espressioni.

3. “Te lo avevo detto!!!”

Vuoi far incazzare la tua compagna? Usa questa frase 🙂

Ha anche delle varianti come “Lo sapevo io!” e “È perché non mi hai dato retta!”, ma la subcomunicazione, il messaggio di fondo, è lo stesso: “Hai sbagliato perché non hai seguito ciò che ti avevo detto io che ne sapevo molto più di te, quindi hai doppiamente sbagliato, una volta nell’errore che hai commesso, e l’altra non ascoltandomi”.

È veramente fastidioso: quando una persona sbaglia spesso già si arrabbia con sé stessa per l’errore e, quando sente questa frase, si arrabbia ancora di più perché qualcuno le fa notare lo sbaglio mettendosi per giunta in una posizione di superiorità con “lo sapevo io”.

4. “Lo faccio solo per te”

Nella coppia le azioni dovrebbero essere fatte per generosità verso una persona amata, ma se fai notare quando compi un’azione “solo per l’altra persona” rompi questo meccanismo e sottintendi che questa persona abbia un debito verso di te.

Un gesto altruistico dovrebbe essere fatto senza farlo notare e senza chiedere nulla in cambio, dando valore per il puro piacere di darne, dicendo invece “lo faccio per te” sottintendi che l’altra persona sia in debito e quindi le fai capire di aspettarti, prima o poi, qualche cosa in cambio.

5. “Ho fatto questo e quell’altro per te, tu invece ….”

Detto anche “segnare i punti“, è un modo di fare orribile.

Spero che non ti sia mai capitato, se ti è già successo sai in che brutte acque si finisce con questo tipo di comunicazione che si compone di tre parti:

  • Io ho fatto tanto per te
  • Tu hai fatto meno per me
  • Quindi sei in debito

In primo luogo si innesca un meccanismo simile a quello della frase precedente, il far sentire in debito l’altro.

In secondo luogo, e forse ancora più disastroso, si innesca un meccanismo di conteggio dei punti: l’altro/a può infatti mettersi lei stessa a contare i punti, al momento della discussione o in futuro, e nel tempo è un atteggiamento che distrugge la coppia.