Articoli Premium in Offerta
Hai ancora: giorni, ore, minuti, secondi >>>

Articoli Free

Soffrire per amore: come superare il “soffro per amore” con un esercizio

Argomenti: RELAZIONE
26 August 2011

Soffrire per amore è qualche cosa che capita spessissimo quando finisce una relazione importante.

Molto forte è al consapevolezza che ne segue, la persona che sta male si rende sempre conto di star soffrendo, e il “soffro per amore” diventa una espressione costante che continua a ripetersi nella testa, e spesco continua a ripetere agli altri.

Prima di tutto chiariamo una cosa: è normale soffrire per la fine di una relazione, non ti devi sentire uno sfigato o un perdente, il dolore è normale, accettalo.

Allo stesso tempo ci sono delle cose che puoi fare per rialzarti dopo la fine di un amore, nei seguenti articoli te le spiego infatti:

  • in questo articolo ti mostro un esercizio per lasciar andare la sofferenza che provi
  • in quest’altro articolo trovi una considerazione importante sulla responsabilità che ognuno di noi ha su di sé, soprattutto in un periodo come la fine di una relazione
  • in questo una elenco di azioni utili da compiere dimenticare la tua ex ragazza, per lasciarti alle spalle il passato e stare meglio

Bene, sei pronto per smetterla di stare male? Stufo di soffrire per amore?

Perfetto, diciamo prima un paio di cose sul soffrire per amore e poi vediamo l’esercizio.

Soffrire per amore: come gestire la sofferenza

Come gestire il tuo “soffro per amore”? Cosa fare?

Le persone di solito hanno due modalità di gestire il dolore, due modi di comportarsi che sono agli antipodi.

Crogiolarsi nel dolore

Crogiolarsi nel dolore vuol dire non solo non fare nulla per evitarlo, ma viverlo esageratamente.

Vuol dire ad esempio mettersi ad ascoltare in continuazione canzoni che riportano in uno stato d’animo che fa soffrire, vuol dire continuare a parlare con tutti dell’amore finito, vuol dire continuare a pensarci senza fare il minimo sforzo per dimenticare.

In altri termini vuol dire immergersi in una vasca piena di sangue e trattenere il fiato, non facendo nulla per uscire.

Le persone che si crogiolano troppo nel dolore sono quelle che senti ancora lamentarsi dopo mesi e mesi di quanto soffrano per amore, di quanto stavano bene, di quando ci stiano ancora male.

Sono quelle che passato il normale periodo di decantazione della sofferenza continuano comunque a stare immersi in essa.

Perché questo non è utile? Lo vediamo tra un secondo.

Fuggire dal dolore

Altra reazione, all’opposto di quella sopracitata, è fuggire subito dal dolore.

Attenzione, non parlo di rialzarsi dopo che il dolore è decantato, parlo di far finta di non sentire il dolore, far finta che non freghi nulla, far finta di essere superiori.

Vuol dire mentire, mentire a sé stessi e agli altri, e fare 1.000 cose per non pensare: lavorare di più, continuare a uscire, ecc. ecc. tutto per non pensare.

Purtoppo ogni volta che una persona fa queste azioni per non pensare conferma invece il suo dolore perché compie queste azioni come reazione al dolore stesso.

Perché queste strategie sono sbagliate?

Immagina il dolore come una ferita, immagina il soffrire per amore come una ferita fisica.

Crogiolarsi nel dolore vuol dire continuare a guardare la ferita e tenerla aperta. Vuol dire non lasciarla rimarginare, vuol dire infilarci dentro un dito per non farla cicatrizzare e sentirne ancora la sofferenza.

Il dolore così facendo rimane, la ferita continua a fare male.

Dall’altra parte fuggire al dolore vuol dire dimenticarsi che c’è la ferita, far finta di non averla, così la ferità non viene né curata né disinfettata, e sebbene venga coperta da un vestito di sicurezza, sotto sotto continua a fare male e continuerà a farlo fino a quando non se ne prenderà coscienza.

Far decantare la sofferenza d’amore

La strategie giusta è quella che sta nel mezzo tra questi due estremi, e segue un processo naturale.

Infatti il dolore per guarire deve decantare: va quindi vissuto, non dimenticato ma neppure ricordato apposta per mesi e mesi.

Si deve prendere coscienza della ferita, disinfettarla e darle il tempo per guarire.

Una strategia corretta è quindi quella che velocizza e ottimizza questo processo di decantazione naturale del dolore.

Ti propongo quindi un esercizio che fa proprio questo: ti fa vivere il dolore fino in fondo e allo stesso tempo lo racchiude in spazi ben definiti.

[Tieni comunque presente che se pensi che il tuo dolore sia troppo forte o duri da troppo tempo ti consiglio di rivolgerti a una psicoterapeuta.]

Smettere di soffrire per amore: la tua galleria dei ricordi

Per velocizzare il “processo di decantazione” del dolore prova a fare questo esercizio…

Una volta al giorno, se riesci alla stessa ora, ti prendi un momento solo per te, senza che ci sia nessuno che ti disturbi.

Chiudi gli occhi e ti immagini in un corridoio, quel corridoio davanti a te è la tua galleria che andrai a riempire con i quadri dei tuoi ricordi nel modo che sto per spiegarti.

Prendi un ricordo della tua relazione, mettilo davanti a te e vivilo fino in fondo in tutti i suoi aspetti, sia positivi che negativi. Se il ricordo ha solo aspetti negativi prova a trovare il positivo in quello che è successo, mettigli una “cornice” positiva, di modo che in ogni ricordo ci sia del positivo.

Una volta che hai vissuto il ricordo fanne un quadro, appendilo al muro della tua galleria e passa al secondo ricordo, e poi al terzo, al quarto, ecc. ecc.

Fai questo una volta al giorno per almeno due settimane, una volta al giorno trovi un momento per te e entri nella tua galleria, in cui trovi sulle pareti i quadri dei ricordi che hai già vissuto fino in fondo, ti metti comodo e ricominci, ricordo dopo ricordo, a viverlo fino in fondo e poi attaccarlo alle pareti.

Ogni giorno, alla stessa ora, per almeno due settimane, entri nella tua galleria dei ricordi. In questo modo diminuirai il tempo necessario a decantare il tuo dolore e il tuo soffrire d’amore si risolverà

Marco

Altre lingue?

  • Italiano
  • Español

Ti è piaciuto l'articolo?

  1. Dí che ti è piaciuto:

  2. Scarica il Report Gratuito e rimani aggiornato

    Report Gratuito: "Seduzione: i 37 errori più comuni"

    • Gli errori più comuni degli uomini nella conquista di una donna
    • Le cose da non fare MAI!
    • Gli errori generali di comportamento nella conquista
    • Gli errori al primo appuntamento
    • Come eliminare tutti gli errori nella seduzione e nella conquista di una donna
    • Cosa fare nella pratica per attrarre una donna e conquistarla
    Inserisci la tua
    e-mail e scarica
    Privacy Garantita al 100% - Niente SPAM

Video Riassunto

Guarda il video riassunto dell'articolo, letto da una persona del nostro staff

114 commenti

  1. Marina

    Buonasera,
    se dovessi classificarmi in una cat non saprei in quale esattamente. Normalmente e inconsciamente tendo a somatizzare (ma questo lo so solo perchè ho una rara malattia della pelle ceh mi porta ad essere ricoperta di chiazze da ormai 6 anni). La prima volta ho reagito rifugiandomi per anni nello studio, non cacciando una lacrima, ora invece reagisco nel modo opposto. In quest’ultimo caso cmq quello che mi fa stare male + di tutto è che non sono riuscita neppure ad avere un chiarimento. è finito tutto senza capire bene come, solo aspettando ceh lui facesse qualk che non ha fatto.

    • max

      in risposta a Marina….hai ragione,il chiarimento e il dubbio!!!alla fine non avere risposte chiare!!!!questo oltre a far soffrire ti fa pure incazzare…

  2. CortoMaltese

    A marzo mi sono lasciato con la mia ex dopo una storia di 5 anni. All’inizio ho provato un senso di liberazione dal disagio che mi affliggeva nell’ultimo anno della nostra relazione, quando tutto è andato a rotoli. Poi d’un tratto, ha iniziato a mancarmi tanto e ora sento un fortissimo bisogno di stare con lei. L’ho risentita pochi giorni fa, ma mi dice di sentirsi bene così. Addirittura, dice che si sta vedendo con un altro e la cosa mi ha spezzato le gambe. Sto soffrendo come un cane (mi sono anche comprato l’ebook “Riconquistala subito”, che spero mi sia utile).
    Ma è normale star bene subito dopo la fine di una storia e poi, molto tempo dopo, piombare improvvisamente nello sconforto?

    • Marco – (alias Reborn)

      Può capitare sì

    • michele

      Stessa identica situazione. Ne sei uscito?

  3. tirpi

    Io tendo a vivere tutte l’emozioni al 100% il mio amore è finito oggi un po per un periodo negativo non tra noi ma intorno a noi un po per persone che si sono infilate tra noi, oggi mi ha detto che è finita ma non c’è un reale motivo non lo dice ne vuole dirmi che non mi ama piú questo logora dentro

  4. defrim.alla

    la mia ragazza queste estate mi ha abbandonato? a settembre mi ha lasciato. dopo due anni e sette mezzi insieme fidanzati. ho fatto di tutto per salvare la mia storia d’amore ma non è finita per colpa mia? mi ha fatto soffrire come un cane senza padrone queste estate di merda? non me lo aspettavo mai? una cosa del genere da mia ragazza quello che mi ha fatto queste estate? mi ha deluso la zita. quello che ho fatto per mia ragazza non ho fatto per me steso? ho d’atto tutto. non ho fatto mancare niente. non meritava la mia fiducia? quello che ho passato io queste estate. non lo auguro nessuno. la mia ferita non è ancora guarita! ogni volta che camino mi sembra di averti vicino Lucia ti amo.

  5. chiara

    ho provato questo esercizio mentale ma non è servito a niente…paradossalmente sto peggio di prima :-(….
    non c’è una regola per dimenticare un amore tormentato… magari ci fosse…

    • il Conte

      chiara il tempo è galantuomo!! :)

  6. Jake

    Ciao, forse la mia è solo una paranoia, ma come faccio a dimenticare un’amica che forse mi piace? Spiego meglio: oggi mi è capitato di vedere questa mia amica che passeggiava felicemente sotto il braccio del suo ragazzo e mi è venuta come una strana sensazione di tristezza, un peso allo stomaco tanto che mi sono girato per non farmi riconoscere e magari salutarli in quelle condizioni. Non mi era mai successo prima d’ora e sono preoccupato; ci conosciamo da un paio d’anni, non è la mia migliore amica, ma è un’amica un po’ intima, tra noi più di abbracci baci e carezze nn è mai successo niente di più perché sinceramente non mi sono mai venute strane voglie forse perché aveva già il ragazzo.

    • Jake

      Strane voglie mi sono venute solo una o due volte quando si era vestita in un modo abbastanza provocante, (in quella situazione penso che sarebbero venute anche a te :) ) ma ho cercato di lasciar perdere la cosa perché non volevo rischiare di “mandare a puttane” la nostra amicizia (scusa il termine). è una cosa normale oppure è un po’ preoccupante? a te è mai capitato? cosa mi consiglieresti di fare? :)

    • il Conte

      si è normale ed è capitato anche a me, ti consiglio di metterti sotto e migliorarti in maniera tale da farti vedere da lei sotto un altro punto di vista . .

      • Jake

        Cioè? Nel concreto cosa dovrei fare?

        • il Conte

          curare tutti i tuoi aspetti dove ti rendi conto di essere carente jake . . ma ci vuole tempo è un lungo percorso . .

  7. Jake

    Scusa ma continuo a non capire,
    • Curare i miei aspetti?
    • Cosa intendi per ” farti vedere da lei sotto un altro punto di vista”? Mi stai forse consigliando di mettermi di impegno nella seduzione per sedurla anche se siamo solo amici già da tempo?
    • Hai detto che è capitato anche a te, ma tu ti sei migliorato per sedurla o per trovarti un’altra ragazza così da vedere lei solo come un’amica?

    Scusa se continuo a romperti :)

    • il Conte

      tu devi migliorare la tua persona a prescindere da questa ragazza Jake . . sia fisicamente che tutte le tue qualità e capacità. . in maniera tale che in futuro acquisendo più sicurezza in te stesso senza che te ne accorgerai attrarrai molte persone intorno a te . .

  8. Giulio

    perdonatemi ma non comprendo come questo esercizio possa essere utile…

    • Marco – (alias Reborn)

      Come funziona è spiegato nell’articolo, cosa non capisci di preciso?

      • Giulio

        non capisco come possa alleviare il dolore, ricordare una relazione finita non credo faccia bene, ecco

        • Marco – (alias Reborn)

          Giulio lo spiego, non è solo ricordare , è far decantare, è diverso, ecco :-)

  9. sara

    a me questo articolo sembra proprio una cagata!scusate, ma è ciò che penso.non esiste un modo per metabolizzare il dolore, di qualsiasi natura esso sia.ognuno trova il suo modo in base al carattere che ha.e per quanto mi riguarda, i ricordi non aiutano, anzi.cosa ci può essere di positivo nel prendere ogni giorno un ricordo di quella relazione e guardarne gli aspetti positivi?ti viene solo da piangere proprio perchè è legato ad una cosa che ritenevi bella e che non hai più!cosa c’è di positivo nell’incorniciarla pure?il tempo,solo quello lenisce ogni cosa!e se neanche quello funziona, di base c’è un disagio caratteriale che non ha nulla a che vedere con l’amore o la relazione andata a mont

    • roberta

      XXX TIENI UN LINGUAGGIO NON OFFENSIVO XXX

  10. Pantheress

    Questo articolo non solo è geniale, ma è psicologicamente provato che funziona al 100%. E’ semplicemente una tecnica per gestire le emozioni negative che ho provato personalmente e ha i suoi benefici, e non vedo perché tutto questo accanimento se magari uno non ha mai provato a mettere in pratica.

  11. jess

    Io ho preferito sempre scappare dal dolore protraendo una relazione già arrivata alla frutta da anni. Alla fine ho capito che anche se odio le cose logiche… Purtroppo è una questione scientifica perché noi come esseri non possiamo pensare di stravolgerci la vita tutta su un colpo. A me quello che fa soffrire è l idea del cambiamento… Sapere che anche se me ne ha talmente fatte di tutti i colori, il telefono non squilla, il solito film ora lo guardo da sola, la passeggiata della domenica… Si vive di ricordi e per me è vero che creare una galleria è utile… Ma è il corridoio il problema perché non sai cosa c e in fondo, l horror vacui identificato nella paura del vuoto è la paura di perdere l amore, la nostra sicurezza è minata, sono qui con un pila che illumino il corridoio e ogni giorno ho le batterie sempre più scariche… Lo so che sono destinata a rimanere al buio per un po… Ma piano piano in fondo a quel corridoio c e una porticina e quando l aprirò sarò accecata da una luce immensa che mi farà cadere dalle mani la pila!

    • Niko

      Ciao jessica, l’amore deve rendere liberi non fragili e impotenti, che amore è sennò?

  12. brigitte

    Anch io sto soffrendo per un ragazzo che ho conosciuto e abbiamo passato poco tempo insieme e lui mi aveva nascosto per la sua ragazza non riesco a dimenticarlo tutte le volte penso agli belli momenti che abbiamo passato insieme e non riesco a pensare che lui mi ha preso in giro perché mi aveva fatto sapere che non era piú con la sua ragazza sto soffrendo molto non so come fare per dimenticarlo

    • Niko

      Cara Brigitte, segui quello che dice l’articolo, per il resto sappi che ci vuole tempo per certe cose

  13. Ely

    Salve a tutti ,oggi è finita la mia storia durata 5 anni, lui è cambiato dopo una vacanza con gli amici,si capiva benissimo che qualcosa non andava ,mi ha trattata come una pezza vecchia per 3 mesi,è stato così vigliacco da non ammettere che per lui non andavo più bene,mi ha lacerata ogni giorno di più ,oggi ho preso coraggio e l’ho lasciato io ,non si faceva sentire da venerdì e su facebook aggiungeva ragazze che si fanno foto mezze nude ,allora gli ho chiesto spiegazioni e lui si è arrabbiato dicendo che io lo spio!??io che ero la sua ragazza ,cioè sono rimasta allibita ,dopo 5 anni nemmeno le p*lle di essere sincero,spero di ritrovare presto la serenità e lo auguro a tutti voi .

    • Niko

      Forse da un lato è meglio che ti sia lasciata da uno così, scusa la franchezza. Ne troverai di migliori :)

    • lara

      Ciao Ely. Se ti può consolare sono stata lasciata dopo 7anni …mi sento a pezzi. Lui mi ha lasciata dopo essersi assicurato di avere una tipa con cui poter uscire e sfogarsi. Eravamo entrambi consapevoli dei nostri problemi e io mi ero pure avvicinata per tentare di metterci rimedio. Però erano quasi sei mesi che vivevamo in modo infelice la nostra relazione. Forse era destino??

    • erika

      Ti capisco benissimo sai.
      Lui dopo 6 anni insieme mi tratta da distaccato, stà continuamente su whats up, cosa odiosa.
      Prima nemmeno aveva il tellefonino.
      Poi ad un tratto è cambiato si è reso conto di stare ben a chattare e conoscere nuocva gente.
      Succede.
      Si e peccato che è successo a me.
      Non credo che lo perdonerò mai.
      E anche io spero di stare meglio presto.
      Un augurio a tutti

  14. Michela

    Scusami ma non ho capito benissimo. Dovrei ogni giorno appendere un solo ricordo giusto? E il giorno seguente appenderne uno nuovo senza prima ricordare quelli già appesi?
    Mi ispira voglio provarlo davvero, ma quando mi prendo il tempo di farlo non riesco ad iniziare perché ho paura di stare troppo male rivivendo ricordi positivi che non vivrò mai più. Ho dimenticato di introdurmi: mi sono lasciata con il mio ragazzo da un mese dopo quasi quattro anni di relazione.

    • Niko

      Si prova a fare cosi

    • marco

      ciao michela come ti senti adesso?io sto vivendo attualmente la stessa cosa,ho quasi 38 anni e non e’ la prima volta che vivo questo genere di dolore,ma purtroppo non c’e’ una cura,in certe cose l’esperienza non serve a soffrire di meno,anzi forse si soffre sempre di piu’ col passare del tempo,e’ brutto quando pensi ad un determinato momento e scoppi a piangere.tutti sappiamo che e’ solo una questione di tempo e quei ricordi non faranno piu’ male,ma cio’ che ci spaventa e’ proprio il tempo che intercorre prima di tornare a stare bene ed e’ una cosa soggettiva,non c’e’ una tempo prestabilito’ per tutti,io personalmente sono sempre stato un gran pensatore e non esiste nulla che mi di distragga

  15. Andrea

    Ciao,
    Ho acquistato il tuo eBook riconquistarla subito ed è molto utile.
    Mi trovo pero a chiederti un’aiuto specifico per la mia situazione.

    Io ho una figlia di sei anni e la mia ex mi ha lasciato per per un altro ed è tornata a casa dei suoi genitori con la nostra bambina.

    Nel libro parli del non contatto, cosa che però mi risulta impossibile d’attuare in quanto, visti i bisogni della bambina (scuola, sport, ecc), ci vediamo ogni giorno.

    Hai qualche consiglio da darmi? L’impressione che mi da ogni volta c’è la vedo è di odio per non aver reagito come si aspettava.

    Grazie mille.

    • Niko

      Non mi sento di darti un consiglio. Forse Marco può aiutarti

    • marco

      ciao andrea,io non ho figli quindi certe cose non sono in grado di capirle ma se provo ad immaginare di vivere una cosa del genere mi viene la pelle d’oca,sono gia’ stato lasciato diversi anni fa per un altro uomo ma grazie a dio non avendo vincoli di nessun tipo non ho mai piu’ rivisto ne lei ne lui,altrimenti sarei finito quasi sicuramente sotto analisi.ma nel tuo caso la tua bambina viene prima di tutto e quindi hai tutta la mia stima,ti mando una stretta di mano e una pacca sulla spalla

      • Niko

        Sono veramente contento che vi veniate incontro, mostrando la cosa più importante per aiutare il prossimo: L’UMANITA’. Ci rendete fieri del lavoro che stiamo facendo. Continuate così. Quello che aiuta le persone molto spesso è un sincero e umano confronto.

  16. Nolvio

    Hai la coda di paglia…!!! Nell’attesa che il Nico capisca significati ome umiltà, comprensione, sensibilità ed soprattutto educazione (quindi un milione di anni), vi saluto e vi ricordo che ognuno vale per se stesso…e l’energia maschile è una chimera…la differenza siete voi…coltivate voi stessi e non questi venditori d’illusioni…la prova è che non pubblicano quello che dico…!!!
    Non pubblicatelo è meglio per voi!

    • Niko

      Se leggi bene ti ho anche risposto. Nonostante ti stia dietro facendoti spiegoni continui lo stesso con questo tuo attaccare. (E la cosa mi sembra davvero inopportuna e mi fa chiedere a questo punto se la tua intenzione sia imparare o gettarci addosso le tue frustrazioni) Parli di umiltà educazione e paradossalmente io sono quello che ti spiega per farti capire e tu sei quello che si fa uscite attaccando chi ti aiuta, forse comincia a imparare tu queste cose e poi pretenderle dagli altri. Per questo motivo per adesso, questo è il tuo ultimo commento.

      Ps: comunque io pubblico, ma mi spiace che sia tu a farci le figuracce

      Buona giornata

  17. M

    Ciao a tutti, la mia ex di 20 anni mi ha lasciato dopo un anno e mezzo di relazione intensa a causa che il rapporto era diventato un rapporto in cui si discuteva spesso e ai suoi genitori non piacevo più ed essendo che lei è sempre stata altamente influenzata dai suoi è finita. Il problema è che siamo in classe assieme e la vedo ogni giorno e da tre mesi che ci siamo lasciati Non ci siamo più parlati o meglio ci parlavamo ogni tanto ma si finiva sempre col discutere! Lei mi ha bloccato su tutti i social. Io la penso quasi tutti i giorni vedendola ogni giorno. Durante le lezioni i miei compagni dicono che mi guarda spesso è oggi ci siamo parlati e mi ha detto che con me si stava bene e adesso è un periodo duro, si ricorda i nostri momenti e quando mi parla in certi momenti arrossisce e sorride un po quando era innamorata di me e mi ha detto che certe cose gli danno fastidio e mi ha fatto intendere che prova qualcosa per me ma ha detto che non vuole tornare assieme a me anche perché c’è un altro! Vuole parlarmi almeno dice. Ha chiesto perchè ho fatto determinate cose che prima non avrei mai fatto, e sembrava quasi volesse parlarmi a tutti i costi anche quando non c era niente da dire. In classe poi mi fa battute su come eravamo una volta, guarda male le compagne che vengono a parlarmi e mi chiama spesso per drimi qualcosa anche cavolate
    Come mai ciò? prova ancora qualcosa per me non capisco! Sono confuso proprio adesso che stavo inziando a mettermela via vedendola con l altro! Questa persona mi ha fatto molto male e io non so cosa fare.

    • Niko

      O è sì o è no! Se lei vuole stare con te deve chiarirselo e dirtelo. Se ti ha lasciato vuol dire che non eravate molto compatibili. Insomma patrlatene, ma io penso che se lei ti ha lasciato vuol dire che non eravate l’una per l’altra.

  18. M

    si è oggi non mi ha parlato non so! Come devo comportarmi con lei? Come faccio a dimenticarla vedendola ogni giorno?

    • Niko

      Non puoi, sono situazioni che succedono. Accettale. Ci sono mariti divorziati con figli che per i figli sono costretti a mantenere contatti con l’ex- moglie, e quindi?

  19. Io

    Anche io ho una situazione simile, io ho 20 anni e lei 21 andiamo in classe insieme. La nostra relazione è iniziata un anno e mezzo fa. A ottobre siamo andati a convivere, vista la nostra età forse abbiamo esagerato infatti 2 settimane fa ci siamo lasciati perché lei si è stufata e pure io dicendo che non mi ama più e che non riusciva a darmi le attenzioni che si danno in una coppia. È stata una storia bellissima e intensa io l ho amata e la amo tutt’ora ma non c’è niente da fare. Andando nella stessa classe sono costretto a vederla e ogni giorno sto male molto male, e in più ho scoperto che si vede con un altro non riesco più ad andare avanti così …

    • Niko

      è normale, certe situazioni le accetti e basta. Pensa a chi è divorziato con figli, cosa fa? Soffre e cerca di superare la cosa. La vita non è sempre giusta

  20. Imad

    Per una mia opinione e impossibile dimenticare una ex sopratutto quando la si è amata veramente con tutto il cuore..io non riesco proprio a dimenticare la mia ex fin oggi:(

Scrivi un commento

I commenti devono essere:

  • educati e costruttivi
  • senza abbreviazioni da SMS
  • leggibili e non troppo lunghi
  • singoli: non puoi scrivere più di un commento per volta

Non puoi inserire:

  • pubblicità
  • riferimenti a persone minorenni (tu o altri)
  • istigazioni a comportamenti contrari alla legge
  • copia-incolla da altri siti
  • dati personali tuoi o altrui
  • riferimenti ad altre entità nel campo della seduzione

I commenti devono essere approvati e quelli che non seguono il regolamento possono essere editati o eliminati. Leggi il regolamento completo. Tutti i campi sono obbligatori.

I campi contrassegnati da un asterisco (*) sono obbligatori.