Impegnati per conquistare una donna, ma non mostrarlo troppo

Sedicesimo punto della lista su come non finire nella zona amicizia e conquistare una donna.

Parliamo del non mostrare troppo ad una donna che ci si sta impegnando per averla.

Sì lo so, è il contrario delle credenza comune secondo cui più ti impegni più lei apprezzerà lo sforzo. Mi vengono in mente film in cui l’innamorato corre sotto la pioggia fino alla casa della sua bella per confessarle il suo amore, a lei si illuminano gli occhi e facendolo entrare in casa il film si chiude con un bel bacio.

Ovviamente nella vita reale non succede così.

impegnati-per-conquistare-una-donna-ma-non-mostrarlo-troppo

Il mostrare impegno nel conquistare una donna è utile solo in un caso: nel caso in cui ci sia già attrazione. Se infatti piaci già a una donna, allora lo sforzo sarà qualcosa in più, che le farà pensare consciamente o inconsciamente “Mi piace e in più mi vuole fortemente, è perfetto per me”, in altre parole è un simbolo di quello che provi per lei e le dà sicurezza.

Non solo, è anche un segnale che hai energia maschile, che hai decisione e ti impegni per avere ciò che desideri. In altri termini è un segnale che sei un uomo forte, e questo è molto utile per attrarre una ragazza.

Nel caso invece che non ci sia attrazione il mostrare lo sforzo risulterà solo un modo per elemosinare attenzioni e per svendersi, nella speranza che questo abbia un effetto positivo sul processo seduttivo: nulla di più sbagliato.

Nella lista dico:  Se tenti sempre di essere “di più” per lei, lei lo sentirà di sicuro

Le donne infatti percepiscono con chiarezza queste cose, non servono grossi segnali. Hanno un elevatissimo intuito sociale.

Ora potrebbe sorgere la questione: “Ma non è giusto che lei non apprezzi lo sforzo se non è già attratta!”. Ed infatti è vero: non è giusto, ma da quando in qua la natura è giusta? 🙂

Una donna non viene di certo attratta da un uomo sulla base di cose è corretto o cosa no, è attratta in base a istinti naturali ed incontrollabili: non sceglie di essere attratta, è attratta.

Non è certo utile recriminare contro il genere femminile per colpe che non esistono, bisogna invece provare ad accettare la situazione e, avendola capita, muoversi all’interno di essa giocando a proprio vantaggio.

Non mi stuferò mai di dirlo: le donne sono creature meravigliose, non vanno giudicate per quello che sono, non vanno giudicate per come madre natura le ha fatte.

Nel momento in cui gli uomini la smetteranno di accusarle di “crimini” non commessi, loro non sentendosi più giudicate, si sentiranno più libere di vivere la propria sessualità.

Se invece continuiamo a giudicarle per colpe che non hanno commesso nulla cambierà e rimarremo al medioevo 🙂 , con la caccia alla streghe e la colpevolizzazione della donna.

Direi che possiamo fare di meglio, non credi? 🙂

Marco