Non trattare una donna come se fosse superiore a te… lo fanno già in molti!!!

Come trattare una donna per non finire in zona amicizia e riuscire a rimorchiarla?

Sono contento di parlare del terzo punto della lista su come non entrare più in zona amicizia. Credo infatti che il problema di cui andrò a parlare sia una delle cause principali di insuccesso con le donne, un errore molto comune che ho inserito nel Report gratuito: “Seduzione: i 37 errori più comuni“.

Il problema di fondo negli uomini che finiscono sempre nella zona amicizia è che vedono determinate donne come superiori a loro, le mettono su un piedistallo, le adorano.

Lo so bene perché era così anch’io, pensavo che fosse quello il modo giusto per sedurre una donna, per conquistarla, per farla mia, nei film dopotutto succede sempre così no?!

Ed invece sono tutte cazzate.

non-trattare-una-donna-come-se-fosse-superiore-a-te-lo-fanno-già-in-molti

E’ vero sì che una donna vuole essere adorata. Ma DOPO che è scattata la scintilla, non prima. E’ vero che una donna vuole essere messa su un piedistallo, ma non vuole che l’uomo si inginocchi ai piedi di esso.

Su quel piedistallo infatti ci dovete salire in due.

Quanti uomini commettono l’errore di trattare una donna come se fosse superiore a loro? Direi il 99%. E sono quegli stessi uomini che dopo si chiedono: “Come mai le piace quel tipo? Non ha nulla più di me! E’ uno stronzo!”

Ti ci ritrovi? Io ho vissuto anni a pensarla così e mi ci rivedo molto.

Il nocciolo della questione è: quello “stronzo” di turno è l’unico tra le centinaia di persone che ci provano che non le “lecca il culo”. Per questo lei impazzisce per lui.

Quindi: come trattare una donna?

Come vogliono essere trattate le donne? Cosa vogliono le donne?

Non devi né vederla come superiore a te, né sentirti tu superiore e fare lo sborone (con in questo primo video di seduzione).

Non sto di certo dicendo di fare gli stronzi, sto dicendo che negli stronzi c’è una componente fortemente attrattiva per le donne.

Non mi stancherò mai di ripeterlo: le donne non vogliono essere messe su un piedistallo se l’uomo è inginocchiato di sotto. Vogliono essere ammirate, ma allo stesso tempo amorevolmente guidate.

Questo non è essere maschilisti, questo è tracciare il cammino. Poi, se lei non vuole seguirlo, se ne può parlare: non è una dittatura. Ma l’uomo deve essere colui che dà il tempo.

A questo punto può sorgere spontanea la domanda: cosa fare nella pratica? Come trattare una ragazza?

Nella pratica ci sono tutta una serie di cose che si possono fare (o non fare), ma più che altro sono dettagli. Ciò che conta è tutto il modo in cui ci si pone nei confronti di una donna.

Per questo motivo io di solito suggerisco questo: prova a pensare che comportamenti hai con il tuo capo, o comunque con una persona che ha un forte potere su di te.

Magari cerchi sempre di compiacerlo, o magari se si comporta male non glielo fai notare e te ne stai zitto… qualunque cosa tu faccia con questa ipotetica persona non farla con una donna.

Per tornare agli esempi fatti, non bisogna sempre cercare di compiacere una donna, come se fossimo dei servetti, e bisogna far notare quello che non ci va.

Sia chiaro: anche lei dovrebbe fare lo stesso con noi, nessuno è superiore perché solo tra due individui alla pari si può costituire una rapporto sano e armonico.

Per ora è tutto… di cosa parlo nell’articolo seguente?

Ah sì: del non trattare una donna come se ci dovesse “dare qualche cosa”… e non parlo solo di quello che pensi: sporcaccione! 🙂 Il concetto è molto più profondo.

Marco
– – –
Altre lingue?

Italiano
Spagnolo