La seduzione del principe azzurro: mentalità vincente per la seduzione naturale

Si dice che le storie, soprattutto quelle più famose, provengano dal nostro inconscio e siano lo specchio delle dinamiche presenti in esso.

La più conosciuta di queste storie è la storia di Edipo, uomo che uccise il padre e andò a letto con la madre, che secondo Freud rappresenta una dinamica presente in ogni bambino maschio.

Non siamo qui per fare una trattazione su questo argomento, sono già stati scritti libri e libri su queste cose, siamo invece qui per scoprire se questi concetti possono essere utili nella seduzione.

Lo sono?

Sì, lo sono 🙂 .

Quale storia in particolare?

La storia del principe azzurro.

Il principe azzurro è una figura presente in molte fiabe, da Cenerentola a Biancaneve ad esempio, e anche se non è chiamato “Principe Azzurro” la figura presenta sempre caratteristiche molto simili.

Di lui infatti si sa poco, si sa che è bello (leggi: ha energia maschile) affascinante, valoroso e coraggioso.

Altre caratteristiche non si dicono di modo tale che una donna, in maniera inconscia, se lo immagini dotato dei modi di fare, dei comportamenti, dei gesti che a lei in particolare piacciono.

In altri termini si definisce un uomo dotato di caratteristiche che soddisfano i bisogni primari e si lasciano all’immaginazione femminile le caratteristiche che soddisfano i bisogno secondari, quindi quelli personali che variano da donna a donna.

A cosa ci è utile tutto questo?

Ti può sembrare strano ma la storie che parlando anche del principe azzurro portano con sé la mentalità della seduzione naturale.

Se ci pensi è ovvio: il nostro inconscio crea e si immedesima in queste storie, è ovvio che la dinamiche presenti siano naturali no?

Bene, andiamo quindi a vedere come queste storie siano utilissime per attuare una mentalità vincente nella seduzione.

Cosa accade in queste storie?

In queste storie la protagonista si trova in una posizione di svantaggio, Cenerentola ad esempio è sottomessa alla matrigna e alle sorelle mentre Biancaneve è tormentata dalla Regina che è gelosa di lei perché troppo bella.

Le storie poi possono avere una serie di varianti ma il finale è sempre quello: arriva il principe azzurro e “Vissero per sempre felici e contenti”.

Per prima cosa, nota come queste storie parlino sia all’inconscio maschile che femminile.

Per le donne: è arrivato un vero uomo, quindi con le caratteristiche dell’alpha e del beta, che è sicuro di sé ma gentile e dà sicurezza.

Il messaggio per le donne è “Tientelo stretto, hai vinto alla lotteria”:-) quindi “E vissero per sempre felice e contenti”.

Per gli uomini il messaggio è un po’ diverso, soprattutto nelle storie in cui il principe deve affrontare alcune prove (es. draghi e cavalieri neri) prima di avere in premio la bella fanciulla.

Per noi il messaggio è: “Nella vita dovrai affrontare delle sfide, una volta che le avrai superate il premio sarà una donna bellissima”.

Trovo che questo sia fondamentalmente vero, nella vita dovrai affrontare delle sfide, ti dovrai impegnare e superandole aumenterai la tua energia maschile. Con questa energia maschile riuscirai a conquistare una bella fanciulla.

Non si dice nemmeno “Le devi fare la corte per mesi”. Anzi, le storie spiegano bene che se hai energia maschile ti basta “Scendere da cavallo a baciare la fanciulla che desideri” e lei sarà tua.

Cosa significa in pratica?

Ti basta andare a prendere ciò che vuoi, perché sei un seduttore naturale.

Ma c’è ben di più, la mentalità del principe azzurro è formidabile anche per un altro motivo.

Immagina di essere in un locale e vedere una bella donna.

La mentalità del seduttore manipolativo è: “Sento di avere valore inferiore a lei, vado da lei e con i miei trucchetti la faccio mia, in pratica prendo del valore da lei.”

Non fa un po’ schifo?

La mentalità del principe azzurro, quindi del seduttore naturale, è invece: “La salvo dalla sua condizione di solitudine, porto valore nella sua vita, la rispetto e lei sarà mia”.

Ok, “la salvo dalla sua condizione di solitudine” è un po’ romantica come frase 🙂 , ma hai capito il concetto.

Quindi la mentalità è: “Io sono qui per portare del valore nella tua vita” e per il principio di reciprocità lei te ne darà a sua volta.

Questa è quindi la mentalità più forte che ci sia, ora guardati dentro e scopri se è presente in te.

Se non lo è, fai una prova: inizia a pensare in questo modo e nota come cambiano i risultati.